Memoria Mediterranea

Mariam Diomande (2022)

Condividi:

Mariam Diomande, una donna ivoriana di circa 40 anni, è scomparsa insieme ai suoi due figli nel novembre 2022, dopo essere partita via mare dalla costa di Sfax, in Tunisia, verso l’Italia su un’imbarcazione di fortuna con altre persone di origine subsahariana. Mariam era immigrata in Tunisia, dopo un lungo percorso migratorio difficile e doloroso, in cui aveva vissuto situazioni estremamente violente.

Negli ultimi mesi Mariam viveva a Sfax, dove lavorava, con alcune compagne ivoriane e i suoi due figli, di 3 e 10 anni. Aveva precedentemente tentato la traversata ma senza riuscire ad arrivare, riportata indietro dalla Guardia costiera tunisina.

L’ultima immagine di lei – ricevuta tramite il fratello Mamadou che si è messo in contatto con noi – risale a qualche settimana prima della sua sparizione: si tratta di un video in cui compare lei con i suoi bambini intenta a giocare e ridere.
Un ultimo contatto con la sua famiglia in Costa d’Avorio è stato registrato poche ore prima della partenza quando Mariam aveva salutato i suoi
cari prima di mettersi in mare.

Molti corpi sono giunti a Lampedusa nei giorni successivi al suo viaggio, diverse donne subsahariane erano tra le vittime. Nonostante i numerosi tentativi di verificare se il corpo di Mariam potesse essere tra quelli delle salme rinvenute nell’isola lampedusana, attraverso le fotografie e i dati consegnateci dalla famiglia, non è ancora stato possibile né confermare né escludere la corrispondenza.


Il fratello maggiore, Mamadou, che si trova in Costa D’Avorio, ha sperato per molti giorni che la donna riapparisse insieme ai suoi bambini in qualche terra europea. Ma Mariam e i figli non sono stati ancora ritrovati.

Articoli recenti:

Torna in alto